lunedì 16 dicembre 2019

Un beauty per Natale

Una signora di 74 anni, che viveva nel paese dove risiedo anch'io attualmente, mia amica e rimasta vedova a settembre, da pochi giorni è ritornata ad abitare a casa sua in Puglia presso la sorella e nipoti.
Le ho cucito e donato come mio ricordo una tovaglietta americana questa qui e questo beauty.
Stoffa vellutata esterna e cotone all'interno, forse esagero sempre con le misure, tanto grande, ma ci staranno sicuramente tutte le scatole di medicine che possiede così da poterlo utilizzare comodamente in borsa o in valigia. Finchè non vende la casa del marito, verrà ancora su e giù per i prossimi due anni.
Il pacchetto, ho raccomandato di aprirlo a Natale, so che lo farà!

Con questo post partecipo al pickpin di Betta di dicembre ed il modello l'ho preso da questo pin di Pinterest.

venerdì 6 dicembre 2019

Sacchetti foderati con doni

Un semplice sacchetto foderato ho cucito, che fa anche da carta regalo, con chiusura con la coulisse.
Può contenere anche, qualcosa di pesante, come questi saponi artigianali che ho trovato da un'artigiana della zona di Vicenza.
Un piccolo dono per chi ama queste cose.
I saponi essendo naturali, dopo averli usati, amano stare sul legno per asciugarsi, quindi ho realizzato con le mollette di legno dei semplici porta-sapone da allegare alla confezione.


Con questo post partecipo al Pickpin di Betta di dicembre e l'ispirazione l'ho presa da questo pin di Pinterest. La proprietaria del blog, la conosco è Pia un'amica creativa, conosciuta anni fa.

domenica 1 dicembre 2019

Stelle per bimbi

Le stelle che si vedono a Natale portano tanta felicità ed in quest'anno che sta finendo tanti piccoli bimbi sono nati.
Un panno-ruttino ha allietato la nascita di Benedetta (l'ultima, si spera, di 5 fratellini) con tante stelline bianche su sfondo verde di cotone e spugna da bagno color salmone dall'altra parte, questi accessori sono sempre double-face e quindi si possono usare da entrambi i lati.
Proprio una benedizione per questa numerosa famiglia; entrambi i genitori impegnati in vari servizi in parrocchia, la mamma insegnante di religione e catechista come me. 
Accompagnando il set completo con il bavaglio a bandana.
Il panno-ruttino è di dimensioni più piccolo degli altri già confezionati e visti in altri post. Quindi per questo modello ho preso ispirazione da questo pin di Pinterest e partecipo al Pickpin di Betta di dicembre.

sabato 16 novembre 2019

Nuovo dono nascita

Una bimba deve nascere a giorni e tra le classiche cose, ho pensato anche di fare un porta-pannolini che avevo in mente da tanto tempo; alla fine ho scelto il modello più semplice.
Cucito con la cucitura inglese, in cui bisogna farla bene ma, basta prenderci la mano.

Oltre a tre pannolini per il ricambio ci stanno comodamente anche un pacco di salviette da 72 pezzi. Con il velcro come chiusura è comodo, almeno spero, così quando la bimba sarà cresciuta, la mamma, potrà utilizzarlo per altri usi.
Già direte voi magari per altri fratellini e/o sorelline!
Solo che lei è già la quinta!!!
Con questo post partecipo al pickpin di Betta di Novembre ed il modello l'ho preso qua.

sabato 9 novembre 2019

Cestino bianco e pailettes

Commissionatomi da un'amica sempre come dono gratuito, per una donna americana che abbiamo in comune come amica, in visita in Italia a cui piace il colore bianco ed il suo arredo in casa è tutto candido.
Un cestino con base a croce, così rimane sostenuto e di stoffa leggermente vellutata bianca e con paillettes  colorate è tutto ciò che avevo in casa.
Però mi è stato detto che le è piaciuto molto e la prima cosa che ha notato è stata: "ma è bianco come la mia casa".

Cerco sempre di avvicinarmi ai colori che potrebbero piacere alle persone, con ciò che ho a disposizione.
Ho dovuto fare sforzi e cambiamenti enormi, per comprare e mettere da parte anche stoffe dai colori che a me non dicono nulla, perchè ho scoperto che sono i colori che potrebbero piacere agli altri.
Altrimenti per me, acquisterei solo e sempre tessuti azzurri.


Con questo post partecipo al pickpin di Betta di novembre e l'ispirazione l'ho presa, da ormai tanti anni, da qui.

venerdì 1 novembre 2019

Torta agli amaretti per anniversario

Un dolce semplice agli amaretti fatto a settembre dell'anno scorso, per il 52 anniversario di matrimonio dei miei genitori.

Finalmente è piaciuta a tutti i componenti della famiglia, perchè accontentare tanti di varie età e gusti nelle nostre care famiglie sembra semplice ma, come sempre qualcuno non mangia questo o quello.

Come sempre, io apporto delle modifiche e quindi ho scritto solamente gli ingredienti che ho cambiato e modificato.
Io ho messo solo 100 gr di zucchero, 120 gr di amaretti, 200 gr di farina 00 e 50 gr di farina di riso, 100 ml di olio.
Tutto il resto della ricetta la trovate nel link in fondo al post.
Ho aggiunto anche il liquore all'Amaretto.
Qui con lo stuzzicandente da un lato, è solo la prova di quando uscita dal forno, la torta, lo stecchino deve risultare asciutto. Alcune volte può succedere che sia ancora umido, allora spengo il forno e lascio qualche altro minuto la torta all'interno. 
Da internet ho ricavato e disegnato le cifre su di un foglio bianco e ritagliato i numeri, poi cosparso lo zucchero a velo.
Con questo post partecipo al pickpin di Betta di Novembre e la ricetta l'ho presa da qui.

sabato 12 ottobre 2019

Bimbo in arrivo

Ciao cara sorella, mi potresti preparare qualcosa di carino per una mia amica che partorisce, il terzo figlio a metà ottobre?!
Come dire no, quando è qualcuno di famiglia che te lo chiede!
Così tra un gatto e l'altro (cosa c'entrano direte voi) abbiamo preso la decisione di regalare ad altra famiglia la gattina siamese, perchè ingestibile da tenere, saliva dappertutto...aveva bisogno di una casa molto più grande e con giardino sicuro.
Sono riuscita finalmente, solo giovedì scorso, a tagliare sopra il tavolo della cucina due bavagli, un panno ruttino, due giochi sensoriali.
Qui vi presento il bavaglio a bandana con mussolina da una parte e l'altra tessuto di cotone. Double-face, perchè con il velcro si può usare da entrambi i lati.
Ho scelto di farvi vedere, per ora, questa creazione perchè si abbina ai colori dell'autunno.

Così posso partecipare al Pickpin di Betta di ottobre e l'ispirazione l'ho presa da questo pin di Pinterest.

mercoledì 2 ottobre 2019

Sognando le vacanze

Le vacanze ormai sono un piccolo, lontano ricordo.
Dopo qualche inconveniente di luogo e alloggio (nel senso che avevamo prenotato ancora a giugno un appartamento per 10 giorni a Castelrotto Bz) e trovarsi il giorno prima della partenza, cioè l'8 di agosto, senza nulla in mano, perchè la padrona una signora di 86 anni, ti dice al telefono che lo ha dato a chi va tutti gli anni...allora non ha senso fare la pubblicità su internet...

Inizia di nuovo la ricerca via web e dopo cinque giorni, ho trovato un albergo a Serrada frazione di Folgaria (noi abituati ad essere liberi in appartamento) ad un prezzo molto economico ma, sempre troppo per noi e ci siamo fermati solo 4 giorni, (meglio di niente, so bene che molti tra voi sono sempre stati a casa).

La particolarità del campanile della chiesa parrocchiale, dove sporgono le campane c'è una tettoia a forma di ombrello, sarà giustamente per riparare le campane dalla pioggia, freddo e neve dell'inverno.
Qui la processione la sera della festa dell'Assunzione di Maria (15 agosto).
Abbiamo respirato l'aria pura dovuta all'altitudine dei 1250 mt, camminato tra prati verdi, piante secolari, boschi, ammirato cieli azzurri e goduto dell'aria frizzante del mattino e della sera.
Come si dice: chi si accontenta gode e così è stato!


martedì 17 settembre 2019

Viva le cartoline

Fa sempre piacere ricevere una cartolina ma, si sa con l'era dell'elettronica non si spediscono più, anzi chi faceva fatica una volta a scriverle, ora sa di essere esentato!!!
Invece chi come me le spedisce ancora, riceverle è proprio un ricordo che rimane nel tempo.
Ho partecipato allo scambio di cartoline di Fiore, conosciuta proprio in questa occasione.
Le cartoline ricevute sono da persone che non conoscevo assolutamente e questa è stata proprio una bella sorpresa.
Ho ricevuto da Nadilla una bella veduta di un angolo francese di nome Dinard; senza sapere che la lingua francese è la mia preferita e di conseguenza tutto ciò che riguarda la Francia mi fa piacere. 
Sara con i suoi volatili del Parco del Delta del Po, che sinceramente non ho ancora avuto il modo di poterlo vedere, anche se non abito molto lontano.


Roberta scrive che adora le montagne ed io pure. Guarda caso la cartolina che mi ha inviato è il posto dove io e mio marito saremmo dovuti andare quest'estate in Alta Badia in vacanza!

Grazie di cuore a tutte.








martedì 10 settembre 2019

Astucci per tutti i gusti

Un astuccio di qualsiasi voglia colore è sempre un dono gradito per tutte le età. Sia a settembre con l'inizio della scuola ma, anche come pensiero per un compleanno.
Ancora a settembre dello scorso anno ho regalato questo ad un'amica che è insegnante a scuola, proprio cucito al volo come si dice, ma come sempre tra tagliare il cartamodello e la stoffa, cucire, risvoltare e confezionarlo, bisogna sempre avere mille attenzioni, altrimenti  basta poco per disfare, specie se non si sta attenti quando si cuce la cerniera!
Questo rosa per una bella signora a cui piace sia il rosa che il rosso, e che ora è anche in dolce attesa per fine settembre di un bimbo. 
Questo per un'altra amica-conoscente del mio paese, che proprio in questi giorni ha compiuto gli anni, anche lei insegnante, un piccolo pensiero.
Con questo post partecipo al pickpin di Betta di settembre e mi sono ispirata qui

lunedì 26 agosto 2019

Torta gelato allo yogurt e marmellata

Quest'anno a luglio con la scusa del marito a casa in malattia ho sperimentato altre torte gelato, questa è solo yogurt, panna e marmellata ma, di una bontà immensa.


I vari ingredienti sono ai gusti che avevo in dispensa, quindi sia lo yogurt che la marmellata potete sceglierli a vostro piacere:

Ingredienti:
- 150 yogurt greco;
- 250 gr panna liquida fresca non zuccherata;
- 2 cucchiai marmellata ai frutti di bosco;

- 1 yogurt alla vaniglia;
- 50 gr di zucchero a velo;
- 120 gr marmellata di lampone.

Ho sbattuto la panna liquida fresca in una ciotola e divisa a metà.
Poi su un piatto ho mescolato lo yogurt greco con due cucchiai di zucchero a velo e aggiunto a metà panna montata.

Versato il composto in uno stampo di silicone e messo in freezer per 25 minuti.
Ripreso lo stampo e messo al centro due cucchiai di marmellata ai frutti di bosco e rimesso di nuovo in freezer.
Nel frattempo mescolate lo yogurt alla frutta, la seconda marmellata, i 50 gr di zucchero a velo (questa quantità è a vostro piacimento, assaggiate quanto lo volete "zuccherato") ed incorporate la panna rimasta, con movimenti dal basso verso l'alto.
Versate nello stampo da plum-cake sopra la precedente marmellata e fate riposare in freezer per almeno tre (3) ore. Io l'ho tenuto tutta la notte.

Girate lo stampo su un piatto da portata e gustate a piacere. Poi lo potete rimettere in freezer direttamente sul piatto.
Comunque se volete la ricetta precisa sotto seguite il link.
Con questo post partecipo al pickpin di Betta di agosto e la ricetta l'ho presa da questo pin.

venerdì 2 agosto 2019

Cestino in bicicletta

Grazie all'incoraggiamento delle mie sorelle, che sono quelle persone che mi chiedono di cucire sempre qualcosa, anche se loro stesse come me, prima di sposarsi hanno fatto entrambe corsi di taglio e cucito.
Solo che poi con la nascita dei figli c'è chi riesce a fare qualcosa e chi quasi nulla.
Questa volta una sorella, mi ha chiesto di confezionare un copri-cestino per la bicicletta di mia nipote. Erano anni che dovevo farlo anche per la mia e così come prova, già che abbiamo lo stesso cestino  solo in colori differenti, ho preso le misure e cercato di tagliare e cucire, non semplice nemmeno a farlo. 
Ho usato la stessa stoffa per i due cestini, tanto abitiamo in due città diverse e quindi nessuno se ne accorge.
Il mio è fermato con degli strap, quello di mia nipote con un cordone.
Non è venuto alla perfezione, ma va bene, pur che non escano gli oggetti dai fori larghi del cestino stesso.

Con questo post partecipo al PickPin di Betta di Agosto e l'ispirazione l'ho presa qui.

domenica 21 luglio 2019

Padova città senza...

Ogni città porta in sè qualcosa di diverso ed unico.
Padova, la mia città, veniva un tempo chiamata la città con un caffè senza porte, un prato senza erba ed un santo senza nome.
Caffè senza porte s'intende il famoso Caffè Pedrocchi perchè si dice, che un tempo, era aperto sia di giorno che di notte. 
(Qui una veduta di un angolo sopra il Caffè).

Il prato senza erba (anche se dalla foto sotto ora c'è) ma, un tempo in Prato della Valle non c'era assolutamente verde. Ed è anche una delle piazze, insieme ad altre, più grandi d'Europa. 

Il santo senza nome, perchè da sempre Sant'Antonio, per noi padovani viene chiamato il Santo e basta, con la S maiuscola.


Chiostro interno del Santo

sabato 6 luglio 2019

Buon Compleanno a me con la torta gelato

Questa torta al gelato, la mia prima in assoluto, già mangiata settimana scorsa ma, la volevo condividere  con voi, oggi 6 luglio 2019 per il mio compleanno.

Ingredienti della mia versione:
- 250 gr di panna da cucina;
- 150 gr di yogurt greco;
- 100 gr di ovetti di Pasqua; (voi potete usare la cioccolata che preferite) io li avevo messi in freezer ancora ad aprile;
- Biscotti secchi possibilmente piatti; (io non li avevo e allora ho messo quello che offriva la dispensa).
- un poco di latte;
- due cucchiai di marmellata (io avevo il rimanente di un vasetto di more e miele); potete utilizzare qualsiasi dolcificante preferite.

Sciogliere la cioccolata a bagno-maria su una pentola.


Poi sbattete la panna fresca con lo sbattitore elettrico.

Aggiungete lo yogurt greco a mano e la marmellata; assaggiate questo composto per vedere quanto "zuccherato" deve essere per voi.


Prendete uno stampo da plum-cake, un pezzo di carta da forno bagnata e adagiatela dentro: iniziate a mettere il primo strato di questa crema, un (1) cm circa di altezza).

Prendete i biscotti prima bagnati nel latte (leggermente bagnati) perchè quello che vedete sommerso dal latte, poi è risultato troppo molle e quindi non andava bene; non servono tanti per questa prima fase, ne bastano solo quattro-cinque. (4-5).




Ponete ora lo stampo per 10 minuti in freezer.


Tirate fuori lo stampo dal freezer e aggiungete altro strato di crema e altri biscotti, rimettete in freezer per altri 10 minuti; nel frattempo potete iniziare anche a sistemare la cucina.


Nell'attesa potete aggiungere il cioccolato sciolto a bagno-maria nella rimanente ciotola della crema e mescolare insieme.

Tirate fuori nuovamente lo stampo e terminate con l'ultima parte di crema. Qui sopra alla fine dovrete mettere molti più biscotti, perchè sarà la base della nostra torta.


Ora rimettete il tutto in freezer per 2 (due) ore.
Terminato questo tempo tiratelo fuori, attendete qualche minuto, poi prendete un piatto da portata, girate lo stampo e adagiatelo delicatamente togliendo la carta da forno.
Si può mangiare subito e poi riporlo in freezer, e gustarlo in più volte, ovvio dipende sempre da quanti siete in famiglia noi, in due l'abbiamo mangiato in quattro giorni.


                       (Foto di un'amica, in vacanza in Olanda)

Quanti anni compio? Leggendoli all'incontrario il numero fa 25, che giovane; invece sono 52. Non li dimostro e la foto del profilo ne è la conferma.

Con questo post partecipo al PickPin di Betta di Luglio e l'ispirazione della ricetta presa da questo pin.

mercoledì 3 luglio 2019

Porta-oggetti da viaggio

Quelle poche volte che mi è successo di alloggiare in qualche albergo, specie nei pellegrinaggi, mi sono trovata una stanza da bagno dove non c'era posto sulla mensola nemmeno per due oggetti e quando si è in due, specie se l'altra è un'amica, si sta un poco stretti.
Allora ho ricordato Pia, altra amica, che qualche anno fa aveva cucito un porta-tutto da appendere in casa con un attaccapanni.

La fettuccia al centro è quella che serve per appenderlo quando si è in vacanza da qualche parte, che non è casa nostra!
Qui in bagno, io l'ho attaccato all'esterno della doccia.


Si può arrotolare ed inserire direttamente in valigia senza alcun ingombro e quando ci troviamo in vacanza, dove manca un porta-oggetti in più, basta appenderlo anche alla manopola del termosifone, e voilà un raccogli oggetti a portata di mano.

Per tutte le misure potete andare direttamente al pin sotto, che vi porta al blog di Pia.

Con questo post partecipo al PickPin di luglio di Betta e tutto il tutorial l'ho preso da questo pin.

martedì 18 giugno 2019

Tiramisù estivo con ingredienti alternativi

E' arrivato il gran caldo o forse il troppo umido in pianura padana e da me non si può più accendere il forno. 
Così domenica ho provato a fare un Tiramisù con i pochi ingredienti che avevo in casa.

E' ormai un poco di tempo che molti usano lo yogurt greco io l'ho comprato e messo da parte per la prima occasione ed ecco quasi in scadenza, ottimo per questa ricetta a modo mio.
Gli ingredienti calcolati ad "occhio" per due persone, poi ognuno in base alla propria famiglia aumenta o diminuisce, c'è anche chi è da solo, non dimentichiamolo mai, prima di lamentarci.

Ingredienti:

- 1 yogurt greco (il mio era di 125 gr);
- 1 yogurt ai frutti di bosco (o il gusto che preferite);
- 3 moke di caffè da una tazzina e mezza;
- un poco di liquore amaretto (facoltativo);
- zucchero a velo;
- savoiardi.

Ho fatto tre moke di caffè perchè avevo quella misura a portata di mano, ma voi potete tranquillamente usare la moka più grande. Versate il caffè su un piatto fondo a raffreddare.

Ho preso una ciotola e mescolato lo yogurt greco con altro alla frutta. Ho aggiunto lo zucchero a velo setacciato, (mi chiederete quanto?). Non lo so sinceramente, vedete voi, dopo averne versato un poco e mescolato provate ad assaggiare e sentite se è di vostro gradimento, altrimenti aggiungete.


Poi prendete una teglia di ceramica o di vetro, ed iniziate ad inzuppare i savoiardi nel caffè, adagiandoli sulla teglia. Aggiungete un primo strato di crema, poi un ulteriore fila di savoiardi, altro strato di crema.
Io l'ho lasciato in bianco sulla superficie, molti di voi sicuramente aggiungeranno il cacao.
Ed il liquore all'Amaretto direte voi, non l'ho dimenticato, io l'ho aggiunto nel caffè, quando ho visto che non mi bastava più per inzuppare i savoiardi.
Ponete in frigo per un'ora circa. Io l'ho lasciato di più, giusto per la merenda della domenica pomeriggio.