giovedì 22 febbraio 2018

Bancarelle a Merano - II parte ricordi di vacanze 2017

Le vacanze rimangono sempre nel cuore, specie quando d'estate si va via dalla pianura padana per godere un poco di fresco in montagna ed ora con la nebbia a ricordarci i bei panorami.
Un venerdì nuvoloso, non potendo salire ai monti, abbiamo preso il trenino che attraversa tutta la Val Venosta e siamo arrivati a Merano, proprio giorno di mercato. 
(Questa foto presa dal finestrino del treno in corsa, al ritorno, nel pomeriggio che era rischiarato).

Si arriva in stazione e li ti trovi davanti tante bancarelle dove vendono di tutto un poco e molte cose tipicamente sudtirolesi.
A cominciare dalle salsicce di cervo che ho portato a casa come souvenir donandole a parenti e amici; allo strudel; pane ai semi di finocchio, anice ecc.
Poi si passa per gli abiti tipici tirolesi delle mamme  e dei bimbi.
A chi piace cucire, è veramente un bell'ammirare questi pizzi, merletti, stoffe di tutti i colori sapientemente rifinite per completare un bell'abito che qui usano indossare nelle loro feste.

E al termine di questa "lunga" passeggiata, con tante persone anche incolonnate, ho acquistato una classica e sportiva giacchina in lana cotta grigia e con cerniera, solo perchè era in super sconto data la stagione ancora estiva e adatissima a questo inverno!

                                


6 commenti:

  1. I mercatini sono sempre bellissimi da visitare. Soprattutto se sono pieni di cose tipiche del luogo.
    Vedo che lì si sono proprio sbizzarriti tra cibo e vestiti.
    Molto bella la giacchina!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria. C'era di tutto e di più. Troppa ressa davanti a quelli del cibo, non sono riuscita a fotografarli!!!

      Elimina
  2. Mi è venuta voglia di viaggiare nel leggere il tuo post e immaginarmi in posti da esplorare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede anche a me quando leggo qualcosa da altri. Grazie Paola.

      Elimina
  3. Ciao Marta, che bello visitare i mercatini, quelli dell'Alto Adige poi in modo particolare!
    Un caro saluto, buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente caratteristici, grazie Carmen.

      Elimina

Un commento e/o saluto è sempre gradito