sabato 29 aprile 2017

La Stella che brilla nel cielo

           (So bene che la foto rappresenta il sole, ma non ho foto di stelle).

La mia passione e conseguente apertura di questo blog è nata nell’estate del 2011, forse per scrivere ciò che avevo nel cuore in quel periodo, di un amato zio sacerdote residente negli USA in cui era agli ultimi stadi di vita.
In estate mi sono portata in vacanza un poco di stoffe e nei giorni di pioggia in cui in montagna è impossibile uscire, ho iniziato a tagliare qualcosa e cucire a mano un astuccio.
Ritornata a casa, in settembre 2011 è arrivato lo zio sacerdote ed è stato l’ultimo mese in cui l’ho visto in vita.
Gli avevo cucito un semplice portachiavi ed invece di mettere al centro un cuore, perché mi vergognavo, essendo lui un sacerdote, anche se era mio zio, ho cucito una stella. Ora penso sempre che è la stella che brilla in cielo, per ricordarmi che lui mi è sempre vicino.
Perché parlo tanto di questo zio sacerdote, fratello di mio papà.
Perché è stata l’unica persona, (lui che quando mi è venuto a trovare per vedere la mia casa, il primo maggio del 2008, nel paese dove mi sono trasferita dopo essermi sposata, circa 100 Km dalla mia città) ad incoraggiarmi e dirmi “Marta hai fatto bene a venire a vivere qua, a staccare i legami con la famiglia”. Lo diceva uno che ha scelto la sua missione di sacerdote a migliaia di chilometri di distanza dall’Italia.
Ho iniziato così la mia avventura, reduce da due corsi di taglio e cucito e avendo visto in internet dei bei blog che descrivevano tante cose belle da provare e mettere in pratica.

(Ho scritto tutto questo perchè sto iniziando ora la #lunadimielebiz suggerita un'anno fa da Gioia Gottini, come re-innamorarti del tuo biz).

N.B: Se vuoi leggere, qualcosa di più della vita di mio zio guarda sotto l'etichetta "Los Angeles".

8 commenti:

  1. Ciao Marta, grazie della visita e del tuo gentile commento, vado subito a leggermi il resto, a presto!
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post per ricordare uno zio sicuramente speciale un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Susanna, un abbraccio a te.

      Elimina
  3. Ciao Marta, anch'io ho una stella in più che brilla in cielo, il mio papà che è mancato da poco... Quando le persone care ci lasciano, il loro ricordo è esempio e guida per noi. Un' abbraccio. Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già è proprio vero cara Beatrice, mi dispiace per il tuo papà.

      Elimina
  4. Uno stimolo in più per provare a cucire ancora un portachiavi simile a quello che hai regalato all'amato zio da tenere per te come suo ricordo e porta fortuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia del consiglio. Infatti volevo riprendere a cucire (dopo l'infortunio al dito) con qualcosa di particolare.

      Elimina

Un commento e/o saluto è sempre gradito