martedì 29 luglio 2014

Zia e le bolle di sapone



"Zia mi fai le fotografie mentre faccio le bolle di sapone..."

Questa frase ricorrente ogni sera dopo cena dalla mia nipotina di 3 anni - Susanna - uscendo sulla terrazza a vedere il panorama delle montagne al crepuscolo
 "Dopo zia, tu fai le bolle di sapone                                               ed io ti faccio le foto!" 

Zia leggi una favola la sera prima di addormentarci...dopo averla letta sia io che la loro mamma, cioè mia sorella, la voglia di dormire non c'era proprio per nulla...

"Zia vieni a dormire"...l'unica sera che non avevo sonno e volevo leggermi il libro che mi ero portata in vacanza, sono stata obbligata ad andare a letto alle 21.00 (dormivo nella stessa stanza delle nipotine)...

"Zia ti faccio io tutte le foto mettiti in posa" (altra nipotina di 5 anni - Angela) e le ha fatte con mano ferma e scatto veloce, io così non sono ancora capace...
Importante fotografare un po di tutto quando si è bambine...anche la ex casa del maialino...che c'era fino all'anno scorso ma poi degli uomini lo hanno portato via...racconto di Angela.

Queste le mie vacanze...e quando pioveva tenere ferme due bimbe di quell'età...ogni 5 minuti volevano fare un gioco differente...tranne lunedì 21 luglio che in montagna ha piovuto 48 ore ininterrottamente con pioggia abbondante.
Nel pomeriggio abbiamo giocato a mamma casetta: il mio ruolo era la bimba che andava all'asilo perché loro dovevano impersonare il papà e la mamma...
Comunque sono stata contenta, ho trascorso otto (8) giorni respirando aria di montagna con sole e pioggia, l'importante è stato staccare la spina principalmente dal computer!!!

10 commenti:

  1. eh si Marta, l'importante è staccare la spina dalle consuetudini e rigenerarsi...in vari modi e forme...le vacanze sono come quelle bolle di sapone: leggere, colorate, incantevoli salvo poi sparire in un "puff"...ma ti resta la magia di quegli attimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quegli attimi che ricordi per tutta la vita...grazie ciao Paola.

      Elimina
  2. Che bello il tuo racconto, Marta! C'è poesia in quello che dici, e poi mi hai ricordato un pomeriggio d'estate in cui mi sono occupata di una mia nipotina, dodici o tredici anni fa; mi tempestò di domande della serie perché questo, perché quello, perché-perché-perché... Ma queste sono le cose che restano nel cuore, i momenti di piccole felicità.

    Mariangela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...piccole vacanze...piccole felicità...grazie a te Mariangela. Ciao

      Elimina
  3. Solo guardando il paesaggio mi rilasso, adoro la montagna.

    RispondiElimina
  4. Ciao Marta! Sei stata una zia fantastica, allora! Una perfetta alleata nei giochi eeee nelle foto!
    Brave le nipotine e ... buon rientro =)
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, più di una zia, una seconda mamma. Ciao

      Elimina
  5. Che bel terremoto le tue nipotine :) però hai ragione, l'importante delle vacanze è staccare! un bacione :)

    RispondiElimina

Un commento e/o saluto è sempre gradito